Brasile, lotta alla pornografia culturale


Pubblicato sul The Post Internazionale

In tutto il Paese vengono approvate le leggi ‘antibaixaria’: no alle sovvenzioni pubbliche per gli autori che mancano di rispetto alle donne

brasile-inizia-la-lotta-alla-cultura-sessista-orig_main

“Non mi piacciono le gattine, mi piacciono solo le cagne” – “Eu não gosto das gatinhas, eu só gosto das cachorras” – è il ritornello della canzone Late, dei Black Style, che in Brasile ha dato inizio a una lotta senza precedenti alla pornografia culturale. Lo strumento usato è la legge ‘antibaixaria’, o anti sconcerie: vieta l’uso di denaro pubblico per sovvenzionare o contrattare artisti che nella loro produzione abbiano discriminato, esposto a situazioni degradanti o incitato alla violenza contro ledonne, gli omosessuali e le persone di colore.

Una norma ‘politically correct’, approvata per la prima volta nello stato di Bahia dal governatore Jaques Wagner Continua a leggere

Annunci

FOCUS: Yemanjà, la regina del mare


 

 

Una giovane coppia prega Yemanjà a Santo Amaro, Bahia

Tutti gli anni, durante l’ultimo giorno del Bembè do Mercado, un gran numero di persone si riunisce nella spiaggia di Itapema, a Santo Amaro da Purificação, per celebrare la dea del mare Yemanjà.

Protettrice dei pescatori e delle donne incinta, Yemanjà è una figura centrale non solo tra i credenti del Candomblè, ma anche per molti cristiani, che la rispettano e la temono. Attraverso il fenomeno del sincretismo religioso infatti, Yemanjà viene identificata con la figura cristiana della Nossa Senhora dos Navegantes (la Madonna dei navigatori). Inoltre è una figura importante anche nei romanzi popolari di Jorge Amado, noto scrittore baiano, molto apprezzato sia in Brasile che nel resto del mondo. Il giorno che le viene dedicato nel Candomblè è il 2 febbraio, lo stesso che nel calendario cristiano viene dedicato alla Madonna dei navigatori.

Yemanjà è una figura femminile. Si dice che, in segno di offerta, preferisca ricevere profumi, fiori, saponi e specchi. Tutti simboli della vanità e della bellezza femminile. I credenti le raccolgono in grandi ceste e le lasciano andare nel mare in segno di offerta. Yemanjà prenderà con sè, nel profondo del mare, solo le quelle che preferisce. Secondo la cultura popolare, se le ceste tornano indietro sulla spiaggia, vuol dire che la dea del mare ha rifiutato l’offerta del fedele e che la sua richiesta non è stata accettata.

Fedeli portano offerte a Yemanjà dalla spiaggia di Itapema, Bahia


Filhos de santos escono dallo stato di trans nella spiaggia di Itapema, Bahia

Fedeli tornano sulla spiaggia di Itapema dopo aver lasciato le offerte per Yemanjà, Bahia.